Puglia attrattiva

La provincia di Brindisi, meta preferita per gli investimenti immobiliari esteri

di Giancarlo Sacrestano

L’ estate che si è conclusa, ha visto incrementato il movimento turistico verso la Puglia, sia a livello nazionale che internazionale. Un trend positivo che diventa volano di un indotto economico assai vasto e variegato. Se i primi a beneficiarne sono inquadrabili nel settore alberghiero e della ristorazione, i benefici rivenienti dal flusso turistico, si spalmano su diversi comparti, sino a giungere a coprire d’interesse la realtà produttiva, legata all’agroalimentare ed all’artigianato. Quest’anno però a queste benefiche azioni si deve aggiungere una novità economica di relativo interesse, che rappresenterebbe l’innesco di una più ampia diffusione, dei benefici rivenienti dal flusso di turisti.
La Puglia è divenuta luogo di attrattività immobiliare, per gli investitori di top-class.
Il fenomeno riveste un particolare interesse economico, perché registra un trend generato dalla filiera di un comparto economico, solitamente scarsamente considerato: il binomio star sistem-turismo. I diversi approdi di mega yacht nel porto di Brindisi, l’approdo a Bari e Brindisi delle navi da crociera, e gli arrivi aerei che registrano da anni un trend costantemente positivo dei voli dall’estero degli scali di Aeroporti di Puglia, hanno amplificato la già importante presenza di vip che in Puglia vengono a soggiornare e che fanno da estemporanei testimonial delle bellezze del Tacco d’Italia.
Chi visita le terre di Puglia, resta ammaliato dalla esplosiva combinazione di colori ed emozioni, che spingono verso l’idea di volerla persino viverla questa realtà.
Accade così che il premio oscar 2007 Helen Mirren, miglior attrice protagonista di “The Queen”, si sia tanto innamorata della Puglia che, oltre ad acquistare una masseria del ‘500, ha lanciato un appello alle star di Hollywood per la preservazione dei degli oliveti secolari salentini. La star Madonna, a sua volta, è una vera appassionata, tanto che trascorre le sue vacanze nella località balneare brindisina di Savelletri. Da esempi di questo genere sono nati gli interessi di quanti, dal mondo, hanno potuto guardare dietro le immagini delle star, i luoghi.
É da questa suggestione che nasce il desiderio estero all’investimento, per quanti hanno una discreta disponibilità economica e hanno intenzione di acquistare un secondo immobile in Italia. Una richiesta su due è per case con giardino, una su tre è per proprietà con del terreno circostante, mentre una su quattro è invece per immobili con piscina.
A guidare la classifica pugliese delle provincie più apprezzate è Brindisi che assorbe il 64% degli acquirenti, hanno deciso di eseguire il loro investimento nel tacco d’Italia. Mete privilegiare ma non esclusive, i comuni di Ostuni e Carovigno dove hanno acquistato inglesi, tedeschi e statunitensi, seguiti da belgi e francesi.
Gli acquirenti più interessati agli acquisti in provincia provengono dal Qatar, ma ci sono anche tanti svedesi che, dichiara l’agenzia internazionale di mediazione immobiliare “gate-away.com, sono raddoppiati rispetto al primo semestre dell’anno scorso.
E se Monopoli, rappresenta un altro polo d’attrattività immobiliare per il mercato estero, la provincia del capoluogo pugliese è fra tutte la meno attrattiva.
Dietro quella di Brindisi e distanziata di molto, Lecce col suo 17% del totale degli investimenti, segue Taranto ed il suo suggestivo golfo jonico con l’11% ed ultima Bari, che si ferma, nonostante Monopoli, al 7%.